ISCRIVITI ALLA FIOM
FIOM
PRESIDIO AD UDINE PER I LAVORATORI DELLA TECNO
  • Condividi:
  • Google Bookmarks

Domani una delegazione di circa cinquanta lavoratori della Tecno andrà a Udine per mettere in atto un presidio che si svolgerà nella mattinata davanti alla ditta Continental di proprietà di Iounes Zareipour.

Iounes Zareipour è l’attuale proprietario del 50% della Tecno di Gualtieri, azienda che produce elettrodomestici in crisi ormai da mesi e in concordato preventivo dal 12 luglio.

Non vedendo più il sig.Zareipour a Gualtieri abbiamo deciso insieme ai lavoratori di recarci personalmente presso la ditta di sua proprietà ad Udine per provare a sbloccare  una situazione che corre verso il fallimento – spiega Sergio Guaitolini, segretario della Fiom Cgil di Reggio Emilia - e consegnarli una lettera dei lavoratori che hanno messo nero su bianco tante domande che ad oggi non hanno trovato risposta”.

L’assemblea dei lavoratori intanto è decisa a continuare a mobilitarsi per sbloccare una trattativa per la cessione dell’Azienda (attualmente è presente solo l’offerta della ditta turca SNW) in stallo ormai dal mese di giugno. Nel contempo i lavoratori della TECNO sono in CIGS a zero ore nonostante siano presenti ordini dei clienti, che però non si riescono ad evadere per la mancanza di liquidità che non consente di pagare i fornitori .

Le trattative svolte sin d’ora al MISE, non hanno consentito lo sblocco della situazione che sta diventando drammatica, con il rischio, se non ci sono altre offerte d’acquisto o se non si concretizza l’unica offerta presente, di fallimento della TECNO.


“Il presidio di domani viene fatto anche per chiedere a Zareipour di consentire l’avvio di una reale trattativa per la cessione dell’impresa in tempi brevissimi, che consenta l’apporto immediato di liquidità per la ripresa dell’attività produttiva e conseguentemente la salvaguardia del sito produttivo e dei 273 posti di lavoro.
“L’unica ricchezza per i lavoratori è il lavoro – conclude Guaitolini - e lo difenderemo strenuamente, con tutte le forze che abbiamo e chiamando tutti i soggetti (proprietà, interessati all’azienda, istituzioni, governo) alle proprie responsabilità”.



 

stampa questa pagina
FIOM Reggio Emilia Via Roma, 53 - 42121 Reggio Emilia
Tel. 0522.457347 - Fax 0522.457399